Leasing e credito al consumo: principali differenze e punti in comune, confronto e pareri

124

Chi ci segue da un po’ di tempo oramai sa quale sia il nostro obiettivo: spiegare a tutti i nostri lettori tutti gli aspetti del mondo del credito al consumo. A questo punto della “carriera” del nostro blog abbiamo affrontato quasi tutti gli argomenti trattabili in materia di credito al consumo: vi abbiamo dato i nostri consigli sulle società migliori, vi abbiamo parlato delle tipologie di utente agevolate, abbiamo approfondito i cambiamenti portati dalle riforme e molto altro ancora. Ciò non di meno i nostri utenti sanno sempre soprenderci con domande inaspettate: l’articolo di oggi sarà proprio dedicato ad una di queste domande.

Un nostro utente ci ha posto una semplice domanda. “quali sono le differenze tra un leasing e il credito al consumo?”. Una domanda molto semplice, la cui risposta è tuttavia molto articolata e complessa, per questo motivo abbiamo deciso di dedicargli una guida. Nella guida di oggi vedremo quali sono i punti in comune, le differenze, i vantaggi e gli svantaggi di entrambi i servizi per aiutarvi a scegliere quello migliore per le vostre esigenze. Ovviamente dovremo prima spendere qualche riga introduttiva per rinfrescarci la memoria su che cosa siano i due tipi di servizi, prima di procedere al confronto: buona lettura!

Credito al consumo 

Il credito al consumo è un servizio pensato per favorire l’acquisto di beni e servizi dal costo medio alto. Si tratta di un prestito all’interno del quale il denaro ha uno scopo ben preciso e non può essere modificato in alcun modo. Nel tipo di servizio che stiamo analizzando l’utente richiede ad una banca di prestargli una somma di denaro pari a quella necessaria per acquistare il bene o il servizio in questione. Il credito al consumo viene solitamente utilizzato per quegli acquisti importanti e necessari come, ad esempio, una nuova automobile, gli elettrodomestici oppure l’arredamento della casa.

Il credito a consumo serve per avere immediatamente la liquidità necessaria al completamento di un pagamento per poi, in seguito, restituire a rate con gli interessi il denaro alla banca. Presso molte delle attività che permettono di acquistare beni o servizi con questo tipo di soluzione esistono degli intermediari i quali espongono all’utente l’offerta della banca. Inutile dire che viene il credito al consumo viene spesso presentato come una soluzione per rateizzare la spesa. Anche se in realtà la spesa viene fatta in un unico pagamento e il denaro viene restituito a rate.

In Italia gli unici enti che possono concedere questo tipo di servizio sono le banche. 

Leasing 

Passiamo ora a parlare dell’altro servizio protagonista della nostra guida odierna: il leasing.

Il leasing è un contratto all’interno del quale una parte concede in affitto una proprietà (non obbligatoriamente un immobile) ad un’altra parte. Il secondo utente, che si chiama utilizzatore, deve pagare l’affitto più una maxi rata che può essere posta sia all’inizio del contratto che alla fine. Al termine del contratto l’utilizzatore può decidere se tenere la proprietà oppure se restituirla al concedente. 

Il leasing è un contratto molto particolare che viene solitamente utilizzato per immobili, automobili di un certo livello qualitativo, mezzi produttivi per le aziende, immobili strumentali per le aziende e così via. L’estrema semplificazione del leasing è la seguente: un affitto per un periodo determinato alla fine del quale si può scegliere se pagare la differenza per tenere il bene oppure no.

Il leasing viene concesso dalle banche e può essere usato soltanto per uno scopo che va esplicitato in fase di stesura del contratto. Non si tratta di un contratto facile da ottenere e per questo motivo occorre offrire solide garanzie alla banca, come se si stesse chiedendo un mutuo. A proposito di mutui: i leasing hanno in comune con questo tipo di contratti il tempo di ammortamento molto lungo. Nella grande maggioranza dei casi, comunque, il leasing viene richiesto da aziende o imprenditori per espandere la propria attività commerciale.

Ora sappiamo che cos’è il leasing, nella prossima sezione della guida confronteremo i due contratti per capire quale sia il migliore e in quali situazioni convenga sceglierne uno piuttosto che l’altro.

Leasing e credito al consumo a confronto

Veniamo ora alla parte più importante della nostra guida di oggi: il confronto tra il leasing e il credito al consumo.

Partiamo da un aspetto molto importante: la somma di denaro concessa. La prima grande differenza che i due contratti protagonisti della nostra guida presentano è sicuramente la somma di denaro che la banca concede. Nel caso del credito a consumo la somma è relativamente piccola, mentre nel caso del leasing si parla di cifre molto più importanti. Quindi, per acquisti più onerosi è consigliabile scegliere il leasing, mentre per acquisti più economici è meglio il credito al consumo.

Come si può facilmente intuire anche il tempo di ammortamento è una delle differenze sostanziali tra i due contratti: il tempo di ammortamento del credito al consumo è decisamente molto più breve e rende possibile liquidare il debito in un tempo minore. I tempi di ammortamento di un leasing, invece, sono molto più vicini a quelli di un mutuo.

Parliamo ora della facilità di ottenimento del servizio, conseguenza diretta della somma di denaro concessa. Il leasing è molto più difficile da ottenere rispetto ad un credito al consumo, questo perchè le cifre concesse sono molto più importanti e la banca vuole tutelare il proprio investimento. In entrambi i casi sarà necessario presentare delle garanzie, ma quelle offerte per richiedere il leasing dovranno essere molte e solidissime.

A questo punto dovremo staccarci per qualche secondo dal discorso prettamente pratico e spiegare quali sono le differenze più “concettuali” tra i due servizi. Lo scopo ultimo del leasing è molto diverso da quello del credito al consumo: entrambi sembrano dei prestiti ed entrambi ci permettono di acquistare beni preziosi, ciò non di meno le differenze sono moltissime. Il credito al consumo è un contratto tramite il quale (in poche parole) la banca paga il bene al posto nostro e noi, successivamente, restituiamo i soldi alla banca con gli interessi. Il leasing invece è un affitto di una proprietà che può anche essere acquistata alla fine del periodo di leasing. Inoltre dobbiamo sottolineare che il credito al consumo può essere facilmente investito in una grandissima quantità di beni di consumo e servizi differenti: elettrodomestici, automobili, arredamento, interventi di riparazione degli impianti domestici e chi più ne ha più ne metta. Il leasing, invece, offre uno spettro di scelte decisamente ristretto per quanto riguarda la spesa del capitale: immobili, immobili strumentali, beni per la produzione, strumenti e, in generale, beni di lunga durata per privati e aziende.

In conclusione: per piccole spese familiari il credito al consumo è un’ottima soluzione. Per le grandi spese e per le aziende, invece, il leasing potrebbe essere perfetto.

Giunti a questo punto del nostro approfondimento possiamo ritenere concluso il confronto tra leasing e credito al consumo; ci auguriamo che le informazioni raccolte nella guida di oggi siano state sufficienti a farvi un’idea di quale sia la differenza tra i due tipi di servizi offerti da banche e finanziarie. Nel caso abbiate optato per il credito al consumo, vi consigliamo di dare un’occhiata alle altre guide che abbiamo pubblicato: tra le decine e decine di articoli sicuramente riuscirete a trovare tutte le informazioni necessarie per scegliere il giusto contratto presso il giusto ente. Vi ringraziamo per l’attenzione, a presto!