Preventivo di un credito al consumo: calcolo rata, tassi di interesse, tempi di estinzione

196

Qui sul nostro blog ci occupiamo quasi interamente del mondo dei crediti al consumo. I crediti al consumo sono una tipologia di prestito che può avere sia dimensioni minuscole, sia dimensioni molto importanti. Per questo motivo siamo dell’opinione che un utente debba essere a conoscenza di tutte le possibilità offerte dal contratto che vuole stipulare con banche e società di credito al consumo. Nelle nostre ormai numerosissime guide vi abbiamo parlato degli aspetti più svariati del credito al consumo: categorie agevolate, tempistiche, come trovare le società migliori e molto altro ancora. Oggi, però, vogliamo spiegarvi in cosa consistono i preventivi per un credito al consumo.

Il preventivo di un credito al consumo è forse il passaggio più importante della fase pre-contrattuale. I contratti protagonisti del nostro blog, infatti, sono distinti dagli altri prestiti dall’ampio spettro di importi che possono offrire: stipulare un contratto per un credito al consumo è un’operazione che obbligatoriamente parte dalla stesura di un preventivo da parte della società di credito. Riteniamo che l’utente debba saper leggere e comprendere un preventivo e, per questo motivo. nella guida di oggi parleremo di preventivi: vedremo come vanno letti e interpretati, come si riconoscono quelli migliori e molto altro ancora. Buona lettura!

Preventivi di un credito al consumo: chi può farli?

I preventivi per i crediti al consumo vengono tutti quanti realizzati da banche e società di credito al consumo. Ciò non di meno, gli individui dai quali possiamo venire messi al corrente del preventivo sono molti, inoltre i preventivi possono essere “trovati” in diversi luoghi, parliamone.

Nella grande maggioranza dei casi un preventivo viene comunicato da un intermediario: ossia un soggetto incaricato dalla banca di spiegare e offrire differenti soluzioni per la rateizzazione di un acquisto tramite il credito al consumo. Altre volte, invece, il preventivo può essere comunicato via mail oppure da un addetto della banca.

I preventivi possono essere ricevuti sia online che nelle sedi delle banche o delle società. Ovviamente la richiesta online è molto veloce e ci permette di non perdere tempo con il viaggio fino in banca e così via. Nel caso, invece, si decida di richiedere il prestito in banca si può contare sul vantaggio della possibilità di richiesta di maggiori informazioni in modo quasi istantaneo

Calcolatori di rata e altri strumenti utili

Prima di parlarvi di quelli che sono i punti fondamentali di qualsiasi preventivo per un contratto di credito al consumo, vogliamo parlarvi di alcuni strumenti. Questi strumenti sono utilissimi software che possono essere semplicemente trovati digitando alcune parole chiave nei più popolari motori di ricerca. 

Gli strumenti di cui stiamo parlando sono i calcolatori della rata: questi tool ci permettono di inserire le principali caratteristiche del contratto, che possiamo leggere nel preventivo, in un apposito form. Il tool esegue una serie di calcoli e ci restituisce come risultato l’ammontare delle singole rate con gli interessi e, spesso, l’intero piano di ammortamento con tanto di spese totali mensili e così via.

I calcolatori di rata sono utilissimi strumenti che vi consigliamo di utilizzare per confrontare facilmente i preventivi dei crediti al consumo offerti da diverse compagnie.

Modello di un preventivo “tipo”

Veniamo ora a quella che molto probabilmente sarà la parte più importante della guida di oggi: il modello di un preventivo “tipo”. In questa sezione della guida troverete un esempio dei dati più importanti che saranno sempre presenti in ogni preventivo scritto da banche e società di credito al consumo.

In un preventivo possiamo trovare:

  • La somma totale offerta dalla banca (ad esempio: “prestito da cinquemila euro”)
  • Il nome della banca o società di credito.
  • Il tipo di prestito, in questo caso ovviamente saranno tutti crediti al consumo.
  • Il TAN, ossia il tasso d’interesse. Il TAN può anche avere indicazioni accessorie come “fisso” o “variabile” che indicano il tipo di tasso d’interesse applicato (ad esempio: “TAN fisso: 4,5%).
  • Il TAEG che rappresenta la percentuale della rata prevista per le spese. Il TAEG include anche il TAN e solitamente è una percentuale maggiore.
  • La durata del finanziamento, espressa quasi sempre in mesi e quasi mai in anni. Ad esempio potremmo leggere: “Durata finanziamento: 60 mesi”.
  • Importo finanziato – importo dovuto. Questa voce è sempre presente per via della legge sulla trasparenza emanata nel 2010, l’utente potrebbe leggere qualcosa tipo:” importo finanziato: cinquemila euro, importo dovuto: cinquemiladuecento euro.” 
  • Importo della rata mensile, ossia l’indicazione di quanto l’utente deve pagare ogni mese. 

 Queste sono le principali caratteristiche del contratto che vengono esplicitate nel preventivo del contratto. E’ molto importante sottolineare che le banche sono obbligate per legge a rendere chiare queste informazioni: la legge del duemiladieci in materia di prestiti ha adeguato la legislatura italiana a quella europea, i punti cardine della riforma erano proprio: chiarezza e trasparenza.

Secondo la nostra opinione gli aspetti che vi abbiamo elencato nel paragrafo precedente sono fondamentali perché ci permettono di capire quanto verrà a costare l’intero contratto e soprattutto quanto ci metteremo a estinguere il debito. Sconsigliamo vivamente di sottoscrivere il primo contratto che ci viene offerto ma, piuttosto, di raccogliere diversi preventivi da confrontare anche utilizzando gli strumenti che vi abbiamo presentato nella nostra guida di oggi. E’ vero che le banche e le finanziarie offrono soluzioni simili perché i tassi non sono dettati dal loro volere ma dall’andamento del mercato, ciò non di meno consigliamo comunque di cercare il preventivo per il credito al consumo più adatto alle proprie necessità.

A questo punto possiamo ritenere conclusa la nostra guida completa con tutto quello che c’è da sapere sui preventivi dei crediti al consumo. Speriamo vivamente di aver chiarito ogni dubbio che i nostri utenti potessero avere riguardo questo aspetto importantissimo aspetto del contratto protagonista del nostro blog. Come ogni volta vi invitiamo ad approfondire le conoscenze che abbiamo magari solo accennato nella nostra guida di oggi tramite gli altri articoli che abbiamo pubblicato sul blog: tra approfondimenti, guide, confronti e molto altro ancora, sicuramente troverete una grande quantità di informazioni utili. Vi ringraziamo per l’attenzione e ci auguriamo di vedervi in una prossima guida!